Futuri innovatori alla EIT Raw Materials Summer School

L’avventura dei 55 talenti europei, impegnati nella seconda edizione della Summer School TOP STARS – InnovaTion challenge fOr PhD STudents And ReSearchers, supportata dalla KIC Raw Materials di EIT e organizzata dall’Università di Trento in partnership con HIT-Hub Innovazione Trentino, si è conclusa con la premiazione dei quattro team vincitori da parte del Rettore, Paolo Collini, e del Direttore del Dipartimento di Ingegneria Industriale, Dario Petri.

TOP STARS 2018, avviata lo scorso 16 luglio presso il CLab Trento di Piazza Fiera, ha visto la partecipazione di 55 PhD e giovani ricercatori di 24 diverse nazionalità, provenienti da 24 tra le maggiori università europee.

Di grande rilevanza ai fini delle sfide innovative proposte, la presenza di partner industriali multinazionali quali Umicore, multinazionale con sede in Belgio, gruppo globale di tecnologia e riciclaggio dei materiali, con circa 9.700 dipendenti e un fatturato di 12,3 miliardi di euro nel 2017; Breton Spa, azienda leader a livello mondiale nella produzione di macchine per la lavorazione della pietra naturale, dei metalli e impianti per la pietra composita, che conta 7 filiali estere; Innovando,  azienda in forte crescita incentrata sulle nuove tecnologie, e CarboREM, start up del DICAM votata alla realizzazione di impianti innovativi industriali per il trattamento dei fanghi di depurazione, digestati e rifiuti organici.

I 10 i team che si sono affrontati nella sfida hanno elaborato progetti aderenti alle challenge proposte dalle aziende, combinando l’apprendimento accademico sulle materie prime critiche attraverso innovazione e imprenditorialità, stimolati dalla strutturazione stessa della Summer School, che – sfruttando il know degli studenti – fornisce loro strumenti supplementari, utili a elaborare soluzioni efficaci e business-oriented ai problemi industriali proposti.

Tra questi, la giuria – formata dai Business Developer del CLC South della KIC EIT Raw Materials, dai rappresentanti delle aziende promotrici delle challenge, di HIT-Hub Innovazione Trentino e degli atenei europei partner di progetto (KU Leuven e la National Technical University of Athens-NTUA), ha premiato 4 team: Unicorn Entertainment, che ha ricevuto il premio per la challenge proposta da Umicore, presentando una campagna di marketing sostenibile alle società di intrattenimento in Europa, volta ad aumentare le entrate dei suoi clienti attraverso la raccolta di vecchi cellulari. PhosphoRise ha ottenuto invece il premio per la challenge di CarboREM. Il team ha analizzato l’esigenza ancora esistente nel processo CarboREM di recuperare il fosforo per ottemperare alla restrittiva legislazione corrente. PhosphoRise ha sviluppato una soluzione innovativa che consente il recupero del fosforo con un’efficienza del 75-80% senza la formazione aggiuntiva di sottoprodotti. BioforceAdditives (BFA) si è aggiudicato il premio per la challenge di Breton, ideando BioForce BF5: un catalizzatore a base biologica ottenuto da risorse rinnovabili che non richiede trattamento chimico o elaborazione complessa durante la fase di produzione. NanoRubber ha ricevuto il premio per la sfida posta da Innovando. Il team ha studiato un processo che non solo può solo migliorare la forza specifica della gomma Innovando, ma potrebbe anche aumentare la durata della miscela di gomma finale, con la possibilità di aggiungere valore al prodotto esistente, senza alcuna significativa modifica nella linea di processo o nella fonte di raccolta delle materie prime.  Ai vincitori è stato assegnato come premio finale, la possibilità di trasformare il proprio progetto tecnico-scientifico in proposta imprenditoriale, lavorando alla sua realizzazione industriale.

Le aziende partner, insieme agli specialisti di Aster, hanno affiancato come mentori gli studenti insieme ai rappresentanti accademici dell’Ateneo trentino. Gli esperti di HIT-Hub Innovazione Trentino, partner del progetto, hanno fornito supporto ai partecipanti per la parte I&E sia con lezioni esperte che con azioni di coaching diretto.